Investire nel futuro

L’investimento in megatrend è di moda.

Sempre più prodotti specializzati stanno cercando di cogliere l’onda degli ultimi cambiamenti economici e sociologici come il boom tecnologico e la quarta rivoluzione industriale, l’invecchiamento della popolazione o la maggiore consapevolezza delle questioni ambientali.

Il cambiamento è l’unico costante nel nostro mondo.

I megatrend sono profondi cambiamenti nelle condizioni economiche o sociali che si verificano a lungo termine.

L’ultima azienda a cavalcare questo trend è Natixis Investment Managers. La società di gestione di fondi francesce ha presentato la scorsa settimana Thematics Asset Management, una impresa che investe in fondi tematici come la sicurezza, l’intelligenza artificiale, la robotica e gestione delle risorse idriche.

“I megatrend sono opportunità che debbono essere prese in considerazione anche dal punto di vista degli investimenti. È in atto un grande processo di innovazione che durerà diversi anni e che consente agli investitori di poter cominciare a costruire un po’ di futuro”, come ha spiegato Antonio Bottillo, Managing Director e Country Manager per l’Italia di Natixis Investment Managers.

La selezione dei megatrend che stanno arrivando (o che sono già qui) è vitale per la redditività di qualsiasi portafoglio. Tuttavia, è conveniente guardare con attenzione alle diverse opzioni a disposizione sul mercato finanziario sempre più affollato da prodotti tematici. La prima cosa che dovrebbe essere presa in considerazione è che l’investimento nei megatrend non significa scommettere sulle mode del momento.

I megatrend di solito sono quelli che hanno la capacità di influenzare la vita delle persone. In questo senso, le strategie di investimento rivolte alle imprese che hanno come obiettivo quello di preservare la Terra e le risorse naturali sono sempre più importanti.

Le nuove generazioni mostrano preferenze e opinioni diverse rispetto ai loro genitori, sopratutto in temi legati alla protezione ambientale. Andy Wild, head of commercial banking in Europa di HSBC,  ha identificato diverse tendenze che determineranno quali imprese saranno le preferite dai millennials. Secondo l’esperto della banca inglese, i millennials preferiscono spendere i loro soldi in esperienze, piuttosto che in cose materiali.

La catena di ristoranti Dans Le Noir? Permette di vivere una esperienza fuori dal comune e che fa bene al cuore.

Esiste una opportunità per le imprese e i commercianti di trarre vantaggio dalla voglia di avventura dei giovani consumatori migliorando la loro offerta e declinandola sulla base di esperienze. Un altro cambio, favorito dalle giovani generazioni, è la preferenza dei millennials per i prodotti fabbricati localmente rispetto alle produzioni in serie. Un esempio di questo trend sono le birre artigianali, in Europa ci sono oltre 9.500 birrifici che creano 2,3 milioni di posti di lavoro lungo la loro catena di valore. In Italia, negli ultimi dieci anni, c’è stato un vero e proprio boom dei birrifici artigianali con un aumento del 330%, passando da poco più di 200 a oltre 860.

birrette

Le imprese che saranno in grado di personalizzare i loro prodotti e collaborare con i fornitori locali avranno maggiori possibilità di convincere i clienti millennial a comprare i loro prodotti e/o servizi.

Fabrizio Villani