Crowd economy & Tokenization

Alcuni pensieri su come è possibile creare un’economia distribuita.

Ho già avuto modo di scrivere qualcosa sulla mia idea di Crowd Economy, ovvero di un’economia che riporta al centro le persone ed i consumatori, in cui tutti possiamo diventare parte del servizio e del prodotto offerto.

Già oggi è possibile diventare piccoli azionisti di startup o piccole e medie imprese che cercano di sviluppare nuove soluzioni e che hanno come obiettivo unico la soddisfazione del cliente. Il crowdinvesting, ha aperto a tutti la possibilità di farlo, semplicemente, comodamente online e a partire da poche centinaia di €.

Le motivazioni sono le più diverse: partecipare all’economia reale, veder crescere un giovane progetto, ottenere un ritorno economico (potenzialmente alto e rischioso), ma soprattutto diventare parte di un servizio o prodotto che come consumatore vogliamo vedere nascere.

Piccole aziende oggi riescono a raccogliere cifre importanti, anche milioni di €, per crescere e realizzare soluzioni che incontrano le esigenze dei consumatori, coinvolgendo principalmente i loro stessi clienti.

Oggi è possibile vendere un prodotto prima di averlo completamente realizzato, con il sostegno di potenziali clienti in tutte le parti del mondo, grazie al crowdfunding.

Aziende in tutto il mondo stanno ottenendo prestiti da privati, per finanziare le loro attività, disintermediando i classici canali di accesso al credito poco attenti alle rivoluzioni in corso, grazie al crowdlending.

Questa voglia di partecipare, anche definita Finanza Alternativa — forse denominata così per non farla sembrare troppo pericolosa per la Finanza Tradizionale — ha creato nuove regole e nuovi rapporti tra le persone, resi possibili dalla tecnologia.

Ma proprio la tecnologia, in tutta questa rapida e continua evoluzione, sembra aver fornito delle armi nuove per favorire una ancor più rapida evoluzione e distribuzione dei benefici dell’economia. Grazie alla tecnologia, infatti, oggi vediamo nascere anche organizzazioni decentralizzate, che rappresentano il completamento, autonomo e digitale, della crowd economy.

Abbiamo visto come, dopo la nascita di Bitcoin, sia diventato possibile creare organizzazioni autonome, gestite tramite protocolli crittografici e nelle quali la governance è completamente decentralizzata. In tutto questo svolgono un ruolo centrale i token ed i modelli attraverso i quali è possibile rendere “trasportabili” digitalmente asset diversi: la tokenizzazione.

Cos’è la tokenizzazione?

Questo nuovo ecosistema tecnologico è in veloce espansione, principalmente grazie ad Ethereum che è certamente la blockchain più diffusa e consente oggi di usufruire del maggior numero di applicazioni e soluzioni tecnologiche.

La tokenizzazione di un asset reale (immobiliare, mobiliare, etc) altro non è che la sua rappresentazione digitale attraverso uno strumento fungibile e facilmente trasferibile (il token), le cui movimentazioni sono trascritte in forma immutabile sua una blockchain.

Grazie a Ethereum ed allo standard ERC20 sono nati diversi progetti che hanno consentito la tokenizzazione di varie tipologie di asset. L’esempio principale di un asset reale trasferito in un token, è rappresentato dai Security Token, ovvero token che hanno come sottostante uno strumento finanziario (azioni, bond, quote di fondi, etc) e posso essere utilizzati per gli scopi per cui è si è sviluppata la crowd economy.

Crowd economy e token

Le fondamenta su cui si basano i principi della crowd economy, sono molto banali, ma al tempo stesso molto difficili da incontrare nell’era moderna: fiducia e trasparenza.

Non può esistere un legame tra consumatore e azienda, a maggior ragione legato da una partecipazione attività (di tipo societario, finanziario o meramente di sostegno) che non si basi su questi principi.

Dunque la tecnologia viene in soccorso e, grazie alla blockchain ed all’utilizzo di token, la gestione dei rapporti può avvenire in forma completamente automatizzata, senza la necessità fidarsi di qualcuno (trustless protocols — i protocolli crittografici di cui parlavamo prima) ed in forma completamente trasparente ed immutabile, visto che le transazioni saranno registrate sulla blockchain.

Un security token quindi, può rappresentare oggi la perfetta chiave per interpretare le esigenze di un’economia davvero distribuita.

Ad esempio possiamo creare un security token, emesso da una startup, che consente di monitorare i flussi di cassa della società ed automatizzare il pagamento dei dividendi ai possessori.

Oppure possiamo immaginare un security token, il cui sottostante è un contratto di finanziamento, che automaticamente consente di ricevere gli interessi generati e distribuirli ai finanziatori.

In questo senso si stanno muovendo anche le autorità internazionali, come ci ricorda Valentina su Tech-Mood, e siamo quindi fiduciosi che regole chiare potranno rendere ancora più immediata l’implementazione di questi strumenti.

Esistono ancora tante incognite, di natura legale e tecnologica, ma quello che è certo è che potremo presto costruire un’economia realmente distribuita, i cui benefici siano disponibili a tutti quelli che decidono di farne parte.

Matteo Masserdotti